Saluto del Dirigente Scolastico prof. Giancarlo Guarino

Data di Creazione: 
30/06/2017
Anno Scolastico: 
2016/2017

 

 

Saluto con affetto tutti voi qui presenti in un giorno importante per tanti significati

C’è un tempo per …Ecclesiaste 3
C'è un tempo per nascere e un tempo per morire,
un tempo per piantare e un tempo per sradicare le piante.
un tempo per tacere e un tempo per parlare.

Per ogni cosa c'è il suo momento,

ora è il tempo di salutarvi, di dirvi la mia soddisfazione di andare in pensione
la serenità è data dalla consapevolezza che noi non siamo il fine della vita degli altri, il fine della storia, l’ultima spiaggia per ciò che accade intorno a noi.

Quando amiamo, quando viviamo, quando facciamo una qualsiasi cosa, dovremmo avere la capacità di capire che tutto non è subordinato a noi, non è finalizzato a noi, ma a Qualcun altro.

Qui sono arrivato con un bagaglio umano e professionale costruito, vagliato e temprato da numerosi anni caratterizzati da esperienze  di relazione e collaborazione in tanti settori: sportivo, musicale, teatrale, massmediale, universitario, scolastico, di animazione di quartiere, di ricerca – studio – documentazione.

appassionandomi ho imparato che il cambiamento ha i suoi tempi e avviene soltanto quando persone del tutto normali si lasciano coinvolgere, si uniscono e operano per un comune obiettivo.

Ho sperimentato che bisogna agire con empatia e gentilezza quale espressione del “Mi stai a cuore”,  scommettendo sulla possibilità del bene, con una decisione della volontà nei momenti critici, conscio che certi atteggiamenti “ottimisti” non possono essere frutto della spontaneità, ma di generosità e dedizione, perché non è questione di ingenuità anzi, al contrario, di scaltrezza nel rapporto costo-beneficio.

Ho appreso a guardare il presente e avere fiducia in ciò che di sano e di buono è nascosto in ogni cuore. Perché la felicità è la realizzazione di sé, e ciò avviene in un contesto di relazioni, passa attraverso l’incontro con altri. Da soli riusciamo a cogliere solo le contraddizioni, le assurdità, il vuoto della vita.

 

In questi anni sono stato circondato da numerose persone grandi e piccole, ho coltivato rapporti umani, ho vissuto con intensità, passione e coinvolgimento emotivo … e tutto ciò grazie agli Allievi  e a Voi  che mi avete accolto, rispettato e voluto bene manifestando affetto con modalità e stili diversi, con sincerità: quanti sguardi, silenzi, parole espressione di emozioni, riflessioni profonde, parodie, lettere, gesti, libri e attenzioni varie.

E’ giunto il momento di ringraziare, RINGRAZIARE: un verbo che ho usato spesso, ma ora sento di doverlo fare in maniera particolare perché ogni giorno, ognuno di voi, a modo suo, mi ha insegnato qualcosa, e tra voi  soprattutto coloro che hanno attraversato la sofferenza o la vivono ancora senza chiudersi, costoro mi hanno dato forza, e … tutti con le vostre conoscenze, abilità/capacità, attitudini, atteggiamenti e motivazioni avete contribuito a rendermi un Dirigente scolastico, un educatore, un uomo migliore.

Adesso il ringraziamento diventa un encomio, una lode  per dire Grazie con il cuore: tutto ciò che ho avuto non mi  appartiene di diritto, ma molti di voi si sono sacrificati per farmene dono.   

In altre parole voglio dire a ciascuno di voi: “Ho notato quanto ti sono caro, quanto hai fatto per me.  Non lo scorderò.”

Allora ringrazio tutti coloro che mi sono stati compagne e compagni di viaggio nel difendere le cose fragili perché  sono le più preziose:

  • Maestre dell’infanzia, Maestre e Maestri della Primaria, Professoresse e Professori della secondaria di 1° grado, tutti Educatori e Docenti, in particolare coloro che si sono messi a disposizione svolgendo ruoli e funzioni di servizio, grazie per esservi donati ai nostri allievi  fanciulli, bambini e ragazzi e per tutto quello che avete fatto per loro.
  • Le Signore e i Signori  Collaboratori scolastici  dialettici e cooperativi.
  • Le Signore  Irene, Paola, Teresa e il Signor Luigi pazienti e laboriosi Assistenti Amministrativi.
  • La Dr.ssa Mariassunta Criscuolo costante Direttrice dei servizi generali e amministrativi.
  • il cordiale Sig. Domenico Acampora Presidente del Consiglio di Istituto e le Signore e i Signori Consiglieri per il senso di responsabilità e condivisione e tutti i Genitori che hanno collaborato al successo formativo dei loro figli-nostri allievi insieme ai TANTI Agerolesi disponibili e generosi.
  • Padre Arul,  Don Giuseppe, Don Luigi,  Don Pasqualino e Padre Mario Parrroci con il Decano Don Franco Sparano per essersi dedicati a noi  nell’esercizio della loro cura pastorale.
  • Le Suore ed i Responsabili delle scuole paritarie del territorio che secondo la loro missione hanno educato e formato i fanciulli agerolesi.
  • I Docenti dell’Istituto Alberghiero sempre collaborativi e professionali.
  • I Dirigenti Scolastici delle scuole delle reti di Ambito e DSOS.
  • I responsabili e componenti della Misericordia, Pro loco, Protezione civile, del gruppo FRATRES, del 118, delle Polisportive e associazioni operanti sul territorio, validi coadiutori spesso al nostro fianco.
  • Assistenti sociali, psicologi, medici e avvocati che ci hanno consigliato e assistito in numerose situazioni problematiche.
  • Partners esperti che ci hanno affiancato nei percorsi educativi specifici   gli ingegneri, gli architetti, i Responsabili della Scurezza Prevenzione e Protezione, i geometri, le maestranze, gli sponsor  e i fornitori dei diversi servizi comprese le banche e l’ufficio postale.
  • il comandante Alessio Lopa del Corpo forestale dello stato, il comandante e i Carabinieri della locale Stazione, la Polizia locale con il Comandante Gregorio Casanova sempre pronti e disponibili nelle varie forme di prevenzione e tutela.
  • Il geometra Nicola Ferrara con Antonio Acampora e i loro collaboratori, esempi  concreti di amicizia espressa attraverso gli innumerevoli servizi resi in tutti questi anni.
  • L’assessore Regina Milo per l’entusiasmo e il dinamismo con il quale ha caratterizzato la sua delega,  espressione  dell’ attenzione e riguardo che l’Amministrazione tutta ha sempre avuto nei confronti della scuola e manifestata nella presenza e nell’azione  dei diversi Assessori, della Dr.ssa Rossella Mascolo e del personale dei diversi Uffici Municipali.
  • Il Consigliere Giuseppe Mannini per la sua spiccata sensibilità e competenza educativa  messe in campo a servizio della scuola e dei fanciulli e ragazzi.
  • Il Prof. Luca Mascolo, Sindaco sempre in ascolto, accogliente, premuroso, disponibile, generoso, patrocinatore assiduo e sollecito nell’aiutare la scuola… coinvolgendo puntualmente l’amministrazione locale tutta e quella Provinciale, Regionale e Nazionale.
  • I numerosi docenti di Pimonte compagni di viaggio per più di venti anni. Come dicevo in seduta collegiale: Non importa se saremo vicini o lontani. Importante e ascoltare, evocare e immaginare. 

Abbiamo sperimentato che in ogni cosa ci vuole amore,  dare il meglio di se stessi, ascoltando l’infinito che è in ciascuno di noi, affidando la nostra vita nelle Sue mani,  che la vita è sempre bella,  che non solo quelli passati  saranno sempre i migliori anni della nostra vita ma anche gli altri a venire,  nella misura in cui non ci stancheremo mai di cose da imparare e mettendo d’accordo chi non ci è riuscito mai…. sapremo piangere di gioia senza vergognarci …    VIVREMO perché SAPREMO DI COSA E CHI INNAMORARCI.. armonizzando cuore e intelletto.

  • Esprimo riconoscenza  alla maestra Lina e alla Prof,ssa  Del Sorbo, mie preziose e impareggiabili collaboratrici. Complimentandomi con loro per la umana professionalità  con cui hanno svolto quotidianamente i compiti assegnati e per la pazienza che hanno avuto nell’affiancarmi  e sostituirmi, ringrazio anche tutti i Docenti Responsabili di Plesso, coordinatori di dipartimento, gruppi di lavoro, referenti di settore, funzioni strumentale, l’animatrice digitale e Rappresentanze Sindacali Unitarie per il lavoro svolto, per aver portato avanti con responsabilità i settori assegnati.
  1. sono riconoscente alla Prf.ssa Del Sorbo per  la disponibilità e lo stile di servizio  con cui ha vissuto l’incarico di vicepreside, rivelandosi coraggioso - quotidiano esempio di lealtà, onestà, professionalità educatrice e amicizia.  Grazie per essere stata normale.
  2. Ringrazio Pina, mia moglie, donna paziente e generosa; ha saputo darmi forza e sicurezza condividendo, pur nel rispetto della privacy, il peso delle mie responsabilità e preoccupazioni come dirigente scolastico  e le conseguenze delle tensioni connesse alla funzione e agli eventi. Senza di lei oggi non sarei la  persona che sono.
  3. i miei Figli Giulia e Claudio con la sua Mery:  ragazzi intraprendenti, ricchi di idee, passione per il bene, il bello, la verità, che hanno affrontato con delicatezza e, dolcezza le ripercussioni del mio essere dirigente scolastico;
  4. gli amici Ada, Giovanni, don Tonino, Emilia, Alba, Nicoletta e Celeste, Annamaria e Speranza che mi hanno sempre esortato con creatività, coraggio e affetto.

Mi complimento con voi tutti che avete creduto nella capacità di generare sempre nuove opportunità attraverso le quali essere educatrici ed educatori credibili e profetici, non nel senso di predire il futuro, ma guardare il futuro che è dentro il presente.

E lo faccio offrendovi un segnalibro e un cd ideati e realizzati pensando a voi, a quanto abbiamo vissuto insieme e a quanto ognuno potrà e vorrà continuare a essere e a fare. E per fare memoria.

Il segnalibro riportando frasi di S, Di Giacomo, E. De Nicola, M.L. King, Maria Boschetti Alberti e Dante Alighieri, titolari dei nostri cinque Plessi, desidera ricordare che i nostri allievi ci vogliono testimoni  prima che maestri, persone con un’intelligenza accorata o un cuore intelligente.

Il cd contiene musiche e canti che, come stampato sul retro di copertina, dedico a tutte le donne e uomini che ho avuto compagni di viaggio nel difendere le cose fragili perché  sono le più preziose.

Il titolo ASCOLTARE …. EVOCARE …. IMMAGINARE…. Vuole essere un invito a fermarsi  e sollecitati dalle musiche e dai canti

Ascoltare se stessi,  la vita e il suo segreto,    

Evocare la bellezza di incontri, volti, gesti, esistenze, contesti, episodi vissuti

Per Immaginare occasioni e spazi di vita per le fragilità …:

 e  per non trovarci a corto di speranza.

Auguro a tutti buona vita.

Autore: 
Il D.S. prof. Giancarlo Guarino
Albo: 
Non mostrare in Albo online